Archive for Sviluppo

Uniface ed i Web Services, 3.parte – REST

Nella seconda parte abbiamo affrontato i “Web Services” rispondenti alla specifica SOAP, in questa terza parte affrontiamo quelli rispondenti ai criteri REST.

Un “Web Service” REST è un normale componente web in grado di restituire contenuti in un formato testuale utilizzando http(s) come protcollo di trasporto; questo formato testuale NON è precisato nei criteri REST, può essere HTML o XML o JSON o semplice testo. Nei nostri esempi assumeremo che il formato testuale utilizzato sia JSON, che è il formato più comunemente utilizzato.
JSON è l’acronimo di “JavaScript Object Notation”, ed è un formato adatto per lo scambio dei dati in applicazioni client-server. È basato sul linguaggio JavaScript Standard ECMA-262 3ª edizione dicembre 1999, ma ne è indipendente. Fornisce una alternativa ad XML ed è spesso utilizzato in applicazioni web per la serializzazione e trasmissione di informazioni sulla rete.

In Uniface la fruizione (consumo) di servizi REST passa attraverso l’utilizzo del componente UHTTP; tale componente associa in una singola chiamata una accoppiata request/response via http/https. Le operazioni che rende disponibili permettono di attuare diverse funzionalità:
– SEND: invia una request HTTP utilizzando il metodo specificato, come PUT o POST per file upload e GET per file download.
– SET_FLAGS: setta parametri di esecuzione per la successiva operazione SEND determinando come Uniface gestisce la comunicazione http.
– SET_TIMEOUT: stabilisce l’ammontare di tempo debba essere atteso da una request HTTP prima di considerarla completata.
– WRITE_CONTENT: appende un segmento di dati al buffer UHTTP, che verrà utilizzato dall’operazione SEND. Non può essere utilizzata insieme alle operazioni sui file, come  LOAD_FILE_CONTENTS.
– READ_CONTENT: ottiene informazioni aggiuntive sull’ultima request http. Non può essere utilizzata insieme alle operazioni sui file, come DUMP_FILE_CONTENTS.
– LOAD_FILE_CONTENTS:carica un file, o parte di esso, nel body di una request prima di chiamare l’operazione di SEND per inviare il file.
– DUMP_FILE_CONTENTS:crea un file locale leggendo il body di una response che contiene il file, o un suo spezzone.
– GET_INFO: acquisisce informazioni sul body di un messaggio prima o dopo una operazione SEND. Risulta utili quando il body di una request contiene informazioni relative al file corrente, non essendoci nessun altro modo per conoscere la lunghezza o la zona del file richiesta.
– CLOSE_FILE: chiude il file corrente che è stato utilizzato per l’invio a spezzoni del suo contenuto.

Esempi: (Richiedetemi form di esempio GSX_TEST_UHTTP)
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts”, “GET”, username, password, headers, content, response)
Restituisce TUTTI i post memorizzati
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts/1”, “GET”, username, password, headers, content, response)
Restituisce il post memorizzato con ID = 1
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts?userId=1”, “GET”, username, password, headers, content, response)
Restituisce i post memorizzati dall’utente con ID = 1
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts/1/comments”, “GET”, username, password, headers, content, response)
Restituisce i commenti associati al post con ID = 1
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts”, “POST”, username, password, headers, “{%%^title: ‘foo’,%%^body: ‘bar’,%%^userId: 1%%^}”, response)
Aggiunge una occorrenza e restituisce l’ID assegnato
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts/1”, “PUT”, username, password, headers, “{%%^title: ‘foo’,%%^body: ‘bar’,%%^userId: 1%%^}”, response)
Aggiorna l’occorrenza con ID = 1
– activate uhttp.send(“https://jsonplaceholder.typicode.com/posts/1”, “DELETE”, username, password, headers, content, response)
Cancella l’occorrenza con ID = 1

In Uniface la creazione/gestione di uno stream JSON è estremamente facilitata attraverso istruzioni specifiche:
– JSONtoStruct: definisce una variabile di tipo struct a partire da uno stream JSON
– StructToJSON: costruisce uno stream JSON a partire da una variabile di tipo struct
– webload: carica i dati da uno stream JSON su un componente Uniface
– websave /mod | /one: crea uno stream JSON dai dati in a componente Uniface
– uniface.datastore.put(): salva nel browser un documento (insieme di dati in genere in formato JSON) contraddistinti da un ID
– uniface.datastore.get(): recupera dal browser un documento (insieme di dati in genere in formato JSON) passando l’ID corrispondente
– uniface.datastore.remove(): cancella dal browser un documento (insieme di dati in genere in formato JSON) passando l’ID corrispondente
– uniface.getData()
– uniface.setData()

La creazione un web service al fine di fornire dati secondi i criteri REST è molto semplice e passa attraverso lo sviluppo di una DSP; bastano poche linee di codice per:
– leggere eventuali parametri in ingresso dai canali INPUT o PATHINPUT o dall’header del pacchetto ricevuto
– restituire lo stream JSON nel canale OUTPUT
Esempio di codice da inserire nel trigger di “Execute” della DSP:
public web
variables
string vInput  ; Input parameter from URL
string vOutput ; Output content to be returned
endvariables
; — 1 — get input parameter
getitem/id vInput, $webinfo(“PATHINPUT”), “name”
; — 2 — create output based on input
; you can do anything here
vOutput = “Hello %%vInput%%%, I am the output”
; — 3 — fill the output channel
$webinfo(“output”) = vOutput
; And we are done !
return(0)
end
Questa struttura di base va poi adattata a quanto realmente necessario utilizzando le funzioni creazione di stream JSON elencate in precedenza.

La parte più critica dei Web Services REST rimane la totale assenza di una documentazione standard delle interfacce predisposte, qualcosa assimilabile al WSDL dei servizi SOAP; ci sono iniziative a questo riguardo ma non hanno ancora raggiunto una stabilità e riconoscimenti adeguati. Di conseguenza il criterio con il quale i dati vengono scambiati (parametri, tipi di dato trasferiti, formati degli stessi, …) va documentato adeguatamente rispetto alle esigenze identificate. In alcuni casi si constata l’utilizzo di un metodo HTTP specifico (OPTIONS) che elenchi e documenti le chiamate disponibili.

Nella prossima parte parleremo dei criteri con i quali è possibile definire una API mediante i web services, siano essi SOAP o REST.

Uniface e i Web Services, 1. parte – Generalità

Il W3C definisce un “web service” come “un modulo software disegnato per supportare l’interoperabilità e l’interazione tra macchine collegate in rete”.
I Web Services sono univocamente il fulcro delle possibili integrazioni tra ambienti applicativi eterogenei per piattaforma, sistema, linguaggio ma le tecnologie utilizzate si differenziano; negli anni aziende diverse, leader di mercato, hanno  sfortunatamente avuto idee diverse su quale potesse essere la soluzione ideale per garantire interoperabilità ed interazione in rete. Questo fatto ha generato sostanzialmente due tipi diversi di Web Services:
1 – basati sulla specifica SOAP
2 – in linea con i criteri REST
La specifica SOAP è di poco più anziana dei criteri REST (SOAP 1.0 del 1998, mentre 2000 Tesi di laurea di Roy Fielding per REST) ma mentre SOAP è stato adottato da subito su larga scala, REST ha ricevuto una notevole spinta solo negli ultimi anni, in base al suo ampio utilizzo dovuto alla semplicità dei criteri che lo caratterizzano, in linea con le tecnologie comunemente in uso. Va chiarito che REST NON è una specifica formale ma una serie di criteri oggetto di raccomandazione a supporto di una architettura software per la gestione di dati in ambiente ipertestuale.

Un minimo di approfondimento su entrambi i tipi di Web Services:
SOAP = acronimo per Simple Object Access Protocol: può operare su differenti protocolli di rete, ma HTTP è il più comunemente utilizzato per il trasporto, anzi è l’unico ad essere stato standardizzato dal W3C. La busta SOAP si basa su XML e la sua struttura segue la classica configurazione Head-Body, analoga ad HTML. Il segmento opzionale Header contiene meta-informazioni come quelle che riguardano il routing, la sicurezza, le transazioni e parametri per l’Orchestration. Il segmento obbligatorio Body trasporta il contenuto informativo che talora viene detto carico utile (payload). Questo deve seguire uno schema definito dal linguaggio “XML Schema”. SOAP può essere utilizzato in due modi diversi:
– il client controlla in un Service Registry l’oggetto d’interesse e sviluppa il messaggio secondo i parametri contenuti nel Service Registry.
– il client conosce a priori i parametri e non necessita di consultare il service registry. All’interno del body del messaggio si inseriscono i dati scritti nel formato concordato.

REST = acronimo per REpresentational State Transfer: Web services di tipo REST permettono di richiedere ad un sistema l’accesso a determinate risorse ricevendo in cambio una rappresentazione testuale delle medesime attraverso l’uso di un predefinito ed uniforme insieme di operazioni “stateless”. Le risorse sono identificate attraverso un URI (Uniform Resource Identifier) mentre le operazioni che si utilizzano sono quelle tipiche del protocollo HTTP (HTTP verbs): GET, POST, PUT, DELETE, OPTIONS. La rappresentazione testuale della risorsa ricevuta in risposta può essere strutturata in modi diversi, ad esempio: XML, HTML, JSON o addirittura semplice testo; JSON è il formato che più ha preso piede nel corso del tempo. Un sistema che voglia essere pienamente compatibile con una architettura REST dovrebbe comprendere ed implementare in modo rispettoso le seguenti caratteristiche:
– modello client-server: separazione netta delle competenze, client = interfaccia, server = accesso funzionale alle informazioni.
– dialogo di tipo stateless: ciascuna richiesta da un qualunque client contiene tutte le informazioni necessarie e lo stato della sessione è totalmente gestito lato client. Lo stato della sessione può essere trasferito al server e, se necessario, mantenuto persistente per il tempo necessario a gestire la transizione allo stato successivo.
– risposte cacheable: ogni tipo di dialogo web deve essere definito “cacheable” o “non cacheable”; i servizi REST dovrebbero sempre essere gestibili in cache dai nodi sui quali transitano.
– sistema a livelli: ogni client non deve riconoscere se è collegato al server vero e proprio o ad un suo intermediario; gli intermediari diversi possono essere implementati al fine di poterli  specializzare su funzioni diverse (sicurezza, gestione dei carichi e conseguente scalabilità, ecc)
– “code on demand”: alcuni server possono, anche su base temporanea, estendere, anche in modo specifico, le funzionalità di un client attraverso il trasferimento di codice eseguibile.
– interfaccia uniforme: è fondamentale nella definizione di qualsiasi insieme di servizi REST; dovrebbero SEMPRE essere soddisfatte le seguenti linee guida:
. Identificazione delle risorse: specifiche risorse sono identificate nella richiesta, per esempio utilizzando direttamente URI di riferimento. L’identificazione delle risorse da richiedere è concettualmente separata dalla loro rappresentazione restituita al richiedente. Ad esempio: il server può inviare informazioni dal suo database come HTML, XML o JSON, la cui struttura nulla ha a che vedere con quella interna del server.
.. Manipulazione delle risorse mediante la loro rappresentazione: quando un client riceve la reppresentazione di una risorsa, inclusi eventuali metadati, ottiene sufficienti informazioni per modificare o cancellare la risorsa.
… Messaggi auto-descrittivi: ciascun messaggio include sufficienti informazioni per permetterne la completa gestione del suo contenuto. Ad esempio: quale parser va invocato per riconoscere il contenuto potrebbe essere specificato con un “Internet media type” (conosciuto anche come MIME type).
…. Hypermedia come motore degli stati applicativi (HATEOAS): avendo avuto accesso una applicazione REST inizialmente a un URI, il client REST dovrebbe essere in grado di avere sufficenti informazioni, per essere in grado di utilizzare i (hyper)link ricevuti per accedere a tutte le ulteriori possibili azioni o risorse necessarie. Mano a mano che il dialogo tra server e client prosegue il server restituisce ulteriori (hyper)links che abilitano il client all’esplorazione dell’ecosistema applicativo disponibile sul server.

Entrambi i protocolli si basano su trasporto mediante HTTP ed entrambi sono correntemente supportati da Uniface:
– SOAP con il driver SOP: inizialmente in versione 1.0, ora in versione 2.0.
– REST sin da Uniface7 con la costruzione di componenti Web che restituiscono un contenuto coerente con i criteri elencati.
Nella seconda parte vedremo dei semplici esempi di come si implementano o come si fruisce di “web services” con Uniface con entrambi i protocolli.

Migliorare le applicazioni Uniface esistenti

Negli ultimi due mesi sono stato spesso coinvolto in attività di consulenza mirate a migliorare applicazioni Uniface esistenti.
Ci sono a tutt’oggi in produzione, sia a livello internazionale che in Italia, applicazioni Uniface 5, Uniface 6, Uniface 7, Uniface 8 e, ovviamente, Uniface 9.
L’ambiente di sviluppo si è ampiamente evoluto nei suoi 30+ anni di presenza sul mercato ed ancora oggi continua ad evolvere piuttosto rapidamente: la nuova versione Uniface 10 ne è l’immediata controprova.
Le nuove funzionalità, rese disponibili nel corso degli anni, vanno integrate nelle modalità di sviluppo originarie facendo attenzione a mantenere l’integrità funzionale dell’applicazione originale.

Nella prima fase di queste attività si esplorano gli “Standard & Guidelines” adottati nello sviluppo dell’applicazione, che nella terminologia corrente vengono denominati “Framework di sviluppo”.
Analizzando il modo con cui l’applicazione è stata sviluppata si possono tracciare le linee di potenziale miglioramento, che ricadono in 6 possibili passi:

  1. Da “Stacked forms” char a “Stacked forms” GUI
    2. Da “Stacked forms” GUI a “NonModal forms” GUI
    3. Su “NonModal forms” GUI inclusione di una API applicativa
    4. Da “NonModal forms” GUI a “Web 2.0 pages”
    5. Da “Web 2.0 pages” a “Mobile pages”
    6. Da “Mobile pages” a “Fully partitionable application”

Lo sforzo necessario per ammodernare un applicazione è ovviamente funzione del punto di partenza e del punto di arrivo selezionato. Conviene definire tre obbiettivi: uno a breve, uno a medio ed uno a lungo termine; in questo modo risulta in genere possibile miscelare la quotidiana attività di manutenzione evolutiva dell’applicazione con gli obbiettivi di miglioramento aziendali rilasciando progressivamente le novità sviluppate sul proprio mercato di riferimento.

Chi volesse approfondire l’argomento mi contatti: gianni.sandiglianoATunifacesolutions.com

Uniface 10 Enterprise Edition, disponibile!

Il mese di settembre 2016 verrà ricordato come quello in cui è stato rilasciato Uniface 10 Enterprise Edition.

EccoVi la schermata iniziale con cui si presenta il nuovo ambiente di sviluppo:
schermatainizialeu10-2

Sono talmente tante le novità che risulta impossibile elencarle sinteticamente!

Chi vuole avere ulteriori informazioni mi contatti: gianni.sandiglianoATunifacesolutions.com

Installazione di Uniface – Problemi con Uniface Tomcat?

Installando Uniface in ambiente Windows vengono configurati alcuni servizi all’interno del sistema operativo in modo che l’ambiente Uniface si avvi automaticamente all’avvio del sistema stesso.

Fino alla versione U9.6 i servizi Windows configurati sono stati 3:
– Uniface URouter
– Uniface Tomcat
– Uniface SolidDB
A partire dalla versione U9.7 si riducono a 2 essendo SolidDB stato sostituito da SqlLite come DBMS di default di ogni installazione.

Durante il processo di installazione vengono richiesti i vari parametri che contribuiscono all’installazione dei vari servizi. Eventuali problemi di installazione di URouter o di SolidDB, ad esempio una sovrapposizione della porta TCP in ascolto con altri software o con altre versioni di Uniface, possono essere facilmente individuati e debuggati analizzando i relativi log files.

Un poco più complessa è la configurazione di Tomcat, costituita dalle varie variabili di ambiente necessarie a questo software che svolge funzione di “application server”. Può capitare che l’installazione di Tomcat si sovrapponga ad altri software installati utilizzanti anch’essi questo “application server” piuttosto diffuso.
Come si fa a verificarla ed eventualmente modificarla dopo l’installazione?

Per prima cosa bisogna procurarsi la stringa di comando per l’avvio del servizio Uniface Tomcat definita all’atto dell’installazione di Uniface. Per fare questo è sufficiente dalla Microsoft Management Console dedicata ai servizi del sistema operativo accedere alle proprietà del servizio incriminato. Vi troverete dinnanzi ad un formato simile a questo:

<DISK:><PATH>tomcat8.exe //RS//<YourServiceID>

Copiate l’intera riga di comando e incollatela in una finestra di “prompt dei comandi”, modificandola in questo modo:

<DISK:><PATH>tomcat8W.exe //ES//<YourServiceID>

Le modifiche apportate sono 2:
– Aggiunta del carattere W al termine del nome dell’eseguibile prima del punto separatore dell’extension, per puntare ad un altro eseguibile disponibile nell’installazione di Tomcat.
– Nel primo parametro modifica di //RS// (che significa Run Service) con //ES// (che significa Edit Service)

Eseguite il vostro comando e vi troverete in una finestra che vi permetterà di modificare i parametri del vostro servizio Uniface Tomcat.

Per chi fosse interessato ad un approfondimento sul tema, consiglio la lettura della pagina: https://tomcat.apache.org/tomcat-8.0-doc/windows-service-howto.html

Buona lettura!

Da “Standard & Guidelines” a “Framework”

L’argomento che si dibatte più frequentemente in questi ultimi anni durante le attività su Uniface è quello che definisce il titolo di questo articolo: stabilire i metodi / criteri di sviluppo per riscrivere od estendere le proprie applicazioni al mondo Web/Mobile.

Più che un articolo che fornisce una soluzione ideale vuole essere l’inizio di una riflessione su quale sia il metodo scelto, ed eventualmente applicato, per:
– migrare una applicazione client/server esistente a 3 livelli
– sviluppare estensioni a 3 livelli per una applicazione client/server esistente

Nell’ambito della classica architettura applicativa a 3 livelli DATI -> SERVIZI -> (API) -> PRESENTAZIONE risulta in particolare sempre un poco ostica la decisione di quale/i componente/i di programmazione della presentazione lato browser (MV*) includere nel proprio framework per via della molteplicità di proposte e di scelte offerte dal mercato. Potete dare un’occhiata al sito http://todomvc.com per comprendere cosa si intenda per “molteplicità”.

Le proposte disponibili sul mercato vanno sostanzialmente suddivise in due gruppi:
– Framework server-side
– Framework client-side
e la decisione sulla strada da seguire per perseguire gli obbiettivi che l’applicazione si propone di affrontare e risolvere non sempre risulta immediata. In molti casi un ragionevole equilibrio tra le funzionalità svolte dal server e quelle attuate dal client è necessario ma non sempre è immediata la linea di demarcazione tra i due fronti in quanto molto (se non tutto!) dipende dalle funzionalità che si devono sviluppare. L’ideale sarebbe sviluppare applicazioni utilizzando un framework che sia in grado di lavorare su entrambi i fronti (Vedere http://isomorphic.net).

La difficoltà legata alla molteplicità di scelte tecnologiche disponibili va in genere a braccetto con l’esigenza di mantenere il miglior grado di indipendenza dai browser disponibili sulle varie piattaforme, utilizzate dagli utenti; alcune di queste accoppiate browser/piattaforma fanno parte del mondo mobile, per cui si portano appresso esigenze specifiche a livello di presentazione e richiedono di conseguenza un approccio, perlomeno in parte, dedicato. Quando questo approccio dedicato diventa prioritario nel panorama complessivo si parla di “Mobile First Framework”.

Le scelte che ho riscontrato essere maggiormente utilizzate ad oggi sono:
– Bootstrap + jQuery
– AngularJS
– ReactJS
– Custom / Personalizzato (della serie “uso quello che mi serve quando mi serve!”)

Ringrazio anticipatamente chi volesse aggiungere un contributo o una riflessione.

Sviluppo applicazioni Web – Mobile

Con il rilascio della versione 9.7.02 si è aperta la possibilità di sviluppare e rilasciare applicazioni mobile con Uniface.

Lo sviluppo con Uniface di applicazioni mobile presuppone conoscenza nello sviluppo di applicazioni Web con integrazione delle tecnologie che stanno alla base del web 2.0 (HTML5 / CSS3 / Javascript) nel contesto delle DSP (Dynamic Server Pages), la cosiddetta “programmazione lato browser”.

Al fine di permettere agli sviluppatori Uniface Desktop (Client/server) di approcciare lo sviluppo web/mobile DA ZERO gli ULab hanno rilasciato sul canale YouTube dedicato a Uniface una serie di filmati che sono raccolti in un articolo introduttivo disponibile su uniface.info alla pagina:

http://unifaceinfo.com/html5-javascript-css3-training-videos-uniface-developers-uniface-info/

I brevi filmati chiariscono alcuni punti fermi dello sviluppo Web/Mobile, dando un compito specifico ad ognuna delle tecnologie di base coinvolte nella programmazione lato browser:

  1. HTML5: gives a meaning to data.
  2. CSS3: styles elements presented on screen, paper, or other media.
  3. Javascript: a scripting language to enable interactive sites.

Nell’ambito dei filmati viene fatto riferimento ad un paio di siti di supporto:
1) http://caniuse.com che costituisce uno dei principali riferimenti per conoscere il livello di supporto, e di conseguenza la portabilità, di una specifica funzionalità della programmazione lato browser.
2) http://css3generator.com che permette un approccio semplificato a quelle direttive CSS3 che dovessero essere differenziate e/o moltiplicate nella loro sintassi per ottenere una effettiva portabilità attraverso i vari browser e le loro versioni.

Un’ultima avvertenza, consiglio la visione dei filmati in quest’ordine:
1) HTML5
2) CSS3
3) Javascript

Buona visione!

Uniface & Windows Registry

Ad oggi Uniface, quando eseguito su piattaforma MSW o derivate, utilizza il registry di Windows per conservare diverse informazioni; dalla documentazione fornita con il prodotto è possibile ricavare un elenco di tali categorie di informazioni:
– Component States
– Logical printers
– Command line history
– Installation information
– COM options
– Application Informations
– Initialization Settings

Alcune di queste informazioni hanno cambiato posizione di base all’interno del registry nel passaggio dalla versione U9.6 alla U9.7, a seguito dell’abbandono di tutti i riferimenti al vecchio proprietario del prodotto. Quello che in precedenza era salvato sotto:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Compuware\Uniface\USYS9\State\
a partire da U9.7 è salvato sotto:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Uniface\Uniface 9\State\
E’ garantita compatibilità con il passato in quanto la vecchia posizione viene comunque letta anche da U9.7 ma i nuovi salvataggi avvengono sempre nella nuova posizione.

Ho sviluppato alcune funzionalità aggiuntive al prodotto per dare visibilità a quanto suddetto; chi fosse interessato può contattarmi attraverso questa discussione oppure con uno tra i canali più consueti.

U9.7 on W10

In questi ultimi giorni mi sono imbattuto in una situazione strana di cui voglio mettere a conoscenza gli Unifacers. Negli ultimi mesi ho migrato il mio lavoro con Uniface su una nuova macchina (virtuale) W10. Ieri dovevo testare l’utilizzo di alcuni fonts di barcode e li ho installati ed utilizzati in pochi minuti su U9.6.08; quando ho migrato la stessa form su U9.7.01.G104 (la versione corrente) e ho modificato l’INI file per definire anche su questa versione i font logici che l’applicazione doveva utilizzare ho perso parecchio tempo per via di un sistema di protezione che Windows applica a tutte le applicazioni che vengono installate nelle directory “protette” e al registry di sistema. Tra queste sono (ovviamente) presenti:
– C:\Windows
– C:\Program Files
– C:\Program Files (x86)
Nel mio caso avevo installato le versioni di uso di Uniface nella directory “C:\Program Files (x86)”.

In breve: le modifiche che applicavo al file USYS.INI presente nella directory “C:\Program Files (x86)\<U97installDir>\uniface\adm” NON venivano riconosciute dall’ambiente di sviluppo di Uniface eseguendo il programma con la mia normale utenza Windows (Gianni); le form che facevano riferimento ai font logici inseriti nel file usys.ini all’atto della compilazione non risultavano contenere il riferimento a tali font logici perché NON erano visti dall’ambiente di sviluppo.

Dopo aver perso un pò di tempo e aver scambiato qualche chiacchiera con il supporto ad A’dam la luce si è cominciata a schiarire quando lanciando l’ambiente di sviluppo con l’opzione “Run as Administrator” ho visto utilizzata la copia aggiornata del file usys.ini mentre lanciandolo senza questa opzione vedevo utilizzata una copia vecchia del medesimo file.

La chiave di lettura di questo caso si chiama UAC ed il suo “Virtual Store”: sulle directory protette, in determinate condizioni, Windows permette ad un utente, NON abilitato al pieno accesso ad una specifica risorsa, di svolgere una certa funzione accedendo alla sua versione “dedicata” di quella risorsa e non a quella reale, corrente salvata su disco. Tale versione “dedicata” della risorsa protetta viene salvata nel “Virtual Store”.

In pratica: nella directory di installazione di Uniface c’era il mio file usys.ini aggiornato con i miei font logici definiti; nella directory “C:\Users\<UserName>\AppData\Local\VirtualStore” e ramo sottostante c’era la copia vecchia del file usys.ini salvata all’atto della modifica del file con definizione dei font logici necessari. Se eseguivo IDF come Administrator accedevo alla copia di usys.ini aggiornata mentre se eseguivo IDF come Gianni accedevo alla copia vecchia di usys.ini salvata nel “Virtual Store”.

Eliminando il file usys.ini salvato da Windows nel “Virtual Store” per “proteggersi” e “proteggermi” ho risolto il problema…

Al momento la soluzione più banale è quella di installare Uniface in una directory che NON sia tra quelle “protette” da Windows… 😉

Il problema verrà definitivamente superato in una prossima release di Uniface con una modifica alla distribuzione e installazione del prodotto che renderà Uniface più adeguato alle ultime regole dettate da Microsoft per l’ecosistema Windows.

P.S. La virtualizzazione del registry di sistema funziona in modo analogo ma riguarda le chiavi del sottoalbero HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE. In mancanza dei diritti di amministratore gli aggiornamenti delle chiavi e dei dati di questo sottoalbero vengono reindirizzati alla sottochiave HKEY_CURRENT_USER\Software\Classes\VirtualStore.

More info a questa pagina.

Uniface Debugger Watchpoints

La settimana scorsa durante un’attività formativa mi sono stati chiesti lumi su una funzionalità di interruzione dell’esecuzione di una applicazione Uniface con attivazione del debugger a fronte di una specifica condizione: ad esempio quando un campo assume un certo valore. Questa funzionalità in genere viene definita “Watchpoint”.

Dialogando con gli ULab ho scoperto che questa funzionalità pur non essendo ufficialmente supportata o documentata è disponibile da sempre nel mondo Uniface a partire da Uniface 6.1 (1994!) anche se a livelli diversi nel corso del tempo.

Ecco come implementarla:
1) Attivare una sessione di Uniface con il debugger attivo
2) Definire un breakpoint qualunque
3) Rimanendo nel debugger attivare la funzione di “Edit Breakpoint”
4) Nella finestra che compare selezionare il breakpoint temporaneo definito al punto #2; nei campi della parte bassa della maschera su cui si è posizionati compare il contesto SPECIFICO del breakpoint definito.
5) Modificare il contesto specifico del breakpoint definendo:
5a) Una condizione generica nell’ultimo campo, come nomeCampo=valore oppure nomeVariabile=valore.
5b) Eliminare le specificità di contesto non necessarie: “line”, “module”, “component”. Io ho provato ad eliminarle tutte quante per definire un contesto molto generico.
5c) Uscire dal debug e continuare l’utilizzo dell’applicazione
Nel momento in cui la condizione definita sarà “vera” il debugger comparirà automaticamente! Voilà.

Si possono anche inserire nel campo “condition” delle funzioni come ad esempio:
$scan($uppercase($item(“LIN”,($itemnr(1,$proccontext(“FULL”))))),”VARIA”)>0
che ferma l’applicazione in debug ogniqualvolta viene coinvolta in una istruzione Proc la variabile VARIA. In quest’ultimo caso si tenga in considerazione che esiste al momento un limite massimo di lunghezza del campo “condition” pari a 75caratteri; è stato richiesto un ampliamento a 128 caratteri.

L’unica avvertenza da tenere in considerazione è che questo tipo di settaggio NON viene salvato come stato del debug e quindi viene perso uscendo dalla sessione applicativa sotto verifica e va ridefinito all’inizio della sessione successiva nel caso in cui servisse nuovamente.